Video

Ogni giorno ormai siamo abituati a leggere le notizie economiche per capire che peso avranno sui nostri portafogli. Questa sezione l'ho voluta creare per dare risposte veloci e puntuali sui temi più caldi dell'attualità del fisco, del lavoro, ma non solo.

Credito di imposta sul gasolio del 28%: GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELL’ISTANZA TELEMATICA

🚛 E’ stato pubblicato sul sito del MIMS il Decreto Direttoriale n. 324 del 29 Luglio 2022, che definisce le modalità operative per richiedere l’assegnazione del credito d’imposta pari al ...28% della spese sostenute:
➡️ nel primo trimestre 2022;
➡️ per l’acquisto di gasolio in veicoli di categoria Euro 5 o superiore;
➡️ utilizzati nello svolgimento di attività di trasporto merci conto terzi;
➡️ al netto dell’imposta sul valore aggiunto.
La piattaforma sarà raggiungibile al link ⤵️
https://www.creditoautotrasportatori.adm.gov.it
📆 a partire dal 12 settembre 2022
e resterà aperta per i successivi 30 giorni (fino all’11 ottobre 2022).
👨🏻‍💻 La presentazione dell’istanza avviene attraverso un accesso che l’impresa deve effettuare mediante SPID, CIE o CNS del suo Legale rappresentante.
In caso di Legale rappresentante di più imprese, questo dovrà selezionare (all’accesso in piattaforma) l’impresa per la quale sta presentando la domanda.
📤 Superata la fase di autenticazione e autorizzazione, l’impresa dovrà caricare due file, quello delle targhe e quello delle fatture con le seguenti estensioni (non vincolanti, ma comunque suggerite dalla stessa ADM, per evitare disguidi)
I file devono essere nominati come segue:
➡️ File targhe, Targhe_P.IVA.csv
➡️ File fatture, Fatture_P.IVA.csv
(in alternativa alla partita iva si può utilizzare il codice fiscale della ditta).
Per quanto riguarda il File “fatture” le informazioni richieste sono le seguenti:
➡️ l’identificativo SDI che è un numero attribuito da SDI al file della fattura elettronica e che può raggiungere 36 caratteri, è reperibile dal file metadati della fattura elettronica;
➡️ Tipo fattura (CARB/NO CARB) in cui l’identificativo NO CARB deve essere riportato accanto a tutte le fatture che non riportano al loro interno l’identificativo della targa del veicolo;
➡️ Importo totale della fattura (la piattaforma prevede esclusivamente l’inserimento di importi al lordo dell’IVA);
➡️ Importo a rimborso (quota parte dell’importo utilizzato per i veicoli Euro V e VI o totale della fattura);
❗ L’importo totale della fattura e l’importo a rimborso devono essere esposti al lordo dell’iva.
Per quanto riguarda invece il File “targhe” le informazioni richieste sono le seguenti:
➡️ l’identificativo SDI che è un numero attribuito da SDI al file della fattura elettronica e che può raggiungere 36 caratteri. Tale identificativo SDI è reperibile dal file metadati;
➡️ Targa del veicolo;
➡️ Contratto di noleggio (SI/NO). Per quanto riguarda i veicoli utilizzati in leasing dovrà essere indicato NO, in quanto riguarda esclusivamente veicoli utilizzati a noleggio;
➡️ Qualora vi siano mezzi acquistati con contratto leasing tutt’ora attivo, nella sezione del file targhe “contratto di noleggio (SI/NO)” la risposta da selezionare è “NO”
➡️ Codice paese automezzo, ossia il codice ISO.
⏳ Il richiedente, una volta presentata l’istanza, ha un periodo di 5 giorni entro cui può ripresentare una nuova istanza cancellando prima la precedente.
Durante il periodo di 30 giorni in cui è aperta la piattaforma l’operatore ha la possibilità di:
➡️ inserire una nuova istanza;
➡️ inserire una nuova istanza in sostituzione della precedente, purché non risulti già accettata
➡️ Inserire una nuova istanza, in sostituzione della precedente, nel caso di esito negativo.
🏃🏻 Il contributo straordinario è riconosciuto nei limiti delle risorse disponibili, in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande e nel rispetto dei limiti del Registro Nazionale degli aiuti di Stato.
Ogni volta che viene ripresentata una domanda, la ripresentazione determina un nuovo posizionamento nella graduatoria.
➡️ ADM ogni 5 giorni invia al MIMS/CONSAP le istanze presentate (i 5 gg sono necessari per consentire di effettuare eventuali modifiche al richiedente)
➡️ MIMS/CONSAP provvede a comunicare l’esito della valutazione delle stesse ad ADM che lo rende disponibile al richiedente nell’area riservata.
🧐 Il richiedente può sempre accedere all’area riservata per verificare lo stato dell’istanza.
Le istanze possono avere i seguenti stati:
🟢 TRASMESSA (effettuato l’upload del file in attesa di scansione dell’antivirus)
🟠 INVIATA (controllo antivirus superato)
✅ ACCOLTA (controlli formali superati; controlli sostanziali effettuati)
🔴 RESPINTA (Con motivazione)
La presentazione della domanda, dà avvio alla fase di verifica e controllo da parte del MIMS attraverso il Consap S.p.a., che, alla fine dei controlli trasmette all’Agenzia delle Entrate l’elenco delle aziende ammesse a fruire dell’agevolazione con l’indicazione dell’importo del credito concesso.
Da questo momento, decorrono i dieci giorni, decorsi i quali è possibile utilizzare il contributo, esclusivamente in compensazione, presentando il modello F24 attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, con codice tributo ancora in attesa di emanazione.
[+] Mostra di più
Carica di più